Translate

lunedì 13 giugno 2016

# s-ai: artists and machine intelligence interactions: the Ross' conjecture

<< "When  we  teach  computers  to  write,  the  computers  don’t  replace  us  any  more  than  pianos  replace pianists,"  Goodwin  suggests.  "In  a  certain  way,  they  become  our  pens,  and  we  become  more  than  writers. We become  writers  of  writers." All  this  hints  at  a continuing  collaboration  of  humans  and technology  in  creative  endeavors. >> Ross  Goodwin

Ross  Goodwin. Adventures  in  Narrated  Reality. New  forms  &  interfaces  for  written  language,  enabled  by machine  intelligence. Mar 18, 2016.

https://medium.com/artists-and-machine-intelligence/adventures-in-narrated-reality-6516ff395ba3#.bxotmck1x

Jason Dorrier. An AI Wrote This Short Film—and It’s Surprisingly Entertaining. Jun  10, 2016.

http://singularityhub.com/2016/06/10/an-ai-wrote-this-short-film-and-its-surprisingly-entertaining-2/

FonT: << the  computers  don’t  replace  us  any  more  than  pianos  replace pianists >> afferma Ross;  ho idea che l'opinione di Ross circa i futuri rapporti tra AI-CPU e Umano siano illusori ...; un pianoforte nel suo stato fondamentale, di quiete,  e' un oggetto inerte, anche se nelle sue parti in legno probabilmente "conserva" memoria di tracce  dei suoni che sono stati (attraverso lui) generati, quindi del "colore" musicale dei pianisti che lo hanno utilizzato spesso; una AI-CPU non e', non puo' essere inerte; non solo "conservera'" tracce di storiche specifiche interazioni, ma sara' in grado di elaborare tali informazioni  in tempo reale con le successive e di integrarle con immense banche dati; ho idea che il rapporto tra AI-CPU e Umano, almeno nel 99% dei casi, evolvera'  in qualche forma non dissimile dai rapporti che inevitabilmente si instaurano tra infermiere psichiatrico e assistito solo parzialmente psico-neuro- autonomo; situazione questa  che mi sembra del tutto differente dalla ipotesi di Ross circa l'umano << writer of  writer >>; in ogni caso senz'altro si vedra' di quanto saranno efficaci nell'interazione  "asimmetrica estrema" tra uomo e macchina "intelligente" i  "moduli" a carattere "compassionevole" ... e se, eventualmente, si auto-assembleranno "moduli" con altre differenti specificita' ...

Nessun commento:

Posta un commento